Leggenda: il fantasma del Rouchas – Angrogna

Ciao!
Oggi siamo al Rouchas, una borgata di Angrogna, perché vi voglio raccontare una leggenda non valdese ma cattolica, molto conosciuta però tra i montanari e quindi a tutti gli effetti parte del patrimonio valligiano di racconti fantastici…

Si narra che un tempo qui vivesse in una casetta una donna, rimasta vedova. Una notte venne svegliata da un rumore di passi: il marito era tornato! Lo spirito si mise a sedere sul bordo del letto e prese a chiacchierare con la moglie… e quella non era affatto spaventata, perché credeva che l’uomo fosse risuscitato per miracolo per stare con lei.


Improvvisamente però il campanile della chiesa di San Lorenzo suonò tre colpi e lo spirito con altrettanti balzi tornò al suo posto al cimitero. La donna capì che lo spirito aveva voluto porgerle un’ultima visita e, anche se un po’ triste, ringraziò il destino per questo incontro inaspettato.

Come arrivare qui:
dalla strada provinciale 161, tra i comuni di Torre Pellice e Luserna San Giovanni, imboccare alla rotonda la strada in direzione di Angrogna (in questo punto potete trovare anche le indicazioni per la Guieiza d’la Tana, il Chabas e la Vaccera). Seguite la strada principale sino alla piazza del capoluogo, quindi svoltate a destra imboccando una salita abbastanza ripida e, dopo circa 300 metri, giungerete sul piazzale della chiesa di S. Lorenzo. Proseguite per altri 350 m e sarete in borgata Rouchas.