Il costume valdese

Ciao!
Oggi sono molto felice di potervi raccontare qualcosa di speciale. Domenica, infatti, sarà la Domenica delle Palme e per tradizione i ragazzi e le ragazze valdesi faranno il battesimo o la Confermazione. Dovete sapere che spesso i Valdesi non battezzano i bambini da piccoli, ma fanno loro prima studiare il catechismo per lasciarli decidere poi a 16 anni se diventare membri di chiesa e fare il battesimo a quell’età. Chi, invece è stato battezzato da piccino, farà la Confermazione per affermare davanti alla comunità che intende continuare il suo percorso nella fede valdese.
La domenica di Pasqua, ci poi sono le prime comunioni in cui i ragazzi e le ragazze precedentemente battezzati o confermati diventano dei membri effettivi della Chiesa Valdese.

costume1_1
In posa con alcuni elementi tipici del costume valdese: la cuffia, la spilla, la croce ugonotta e lo scialle.

In queste due domeniche è usanza che le ragazze e le donne valdesi indossino il tradizionale costume, proprio quello che porto anche io!
Si tratta di un capo molto elaborato, composto da diversi elementi e, se siete curiosi di saperne di più, oggi sono qui proprio per questo…
Innanzitutto dovete sapere che, anticamente, questo abito non aveva nessuna connotazione religiosa ma era semplicemente il vestito più bello che le donne possedevano e che, quindi, sfoggiavano solo nelle occasioni importanti. Era così prezioso da essere usato anche come abito da sposa!

costume1_2
Un’amica con una diversa cuffia e uno scialle degli anni Venti.

Le valligiane lo indossavano la domenica per andare in chiesa, ma pian piano venne abbandonato dalle donne cattoliche diventando tipico delle Valdesi.
Vediamo insieme come è fatto!
Il vestito, che è molto lungo, arriva fino alle caviglie; si compone di un bustino che si chiude davanti con dei bottoni, ha il colletto alto ornato di pizzo, così come lo sono le ampie maniche strette al polso. Di solito è blu scuro, nero o viola, a volte damascato, in lana per l’inverno e in cotone per l’estate.
In vita, grazie ai suoi lunghi nastri, è legato il grembiule in seta cangiante azzurra, viola, lilla o nera ma sempre intonato al vestito, rispetto al quale è un po’ più corto.

costume1_3
Il costume valdese.

Sulle spalle si porta, piegato in due a triangolo, lo scialle di seta bianca o nera, con lunghe frange e ricami floreali sul retro, tenuto chiuso con una spilla appuntata sul davanti. Un tempo si potevano vedere degli scialli dai colori molto più sgargianti (rossi, viola, turchini) ma oggi sono introvabili! Anticamente si usava invece portare sulle spalle una mantellina nera di seta incrociata e legata in vita sul dorso.
Completano il tutto i guanti e una borsetta dello stesso tessuto del vestito.

costume1_4
Il retro del costume valdese.

L’elemento più caratteristico del costume valdese è però la cuffia, un prezioso copricapo di origine medievale che viene tramandato all’interno della famiglia. La sua lavorazione è molto complicata poiché la cuffia è composta da tre parti: una anteriore composta da un nastro in pizzo di 7 metri tutto pieghettato che incornicia il volto, una parte intermedia fatta di tulle o stoffa leggera e una posteriore in tulle ricamato che racchiude i capelli raccolti al suo interno; la cuffia è poi tenuta chiusa da un lungo nastro di seta bianca che viene fatto cadere lungo le spalle. La tradizione vuole inoltre che le ragazze non ancora confermate indossino una cuffia nera…

costume1_5
Con una piccola amica che non ha ancora fatto la Confermazione…

Che dire di più?
Le mie amiche ed io vi auguriamo una felice Domenica delle Palme!

Forse vorresti leggere questa storia in: Inglese

  • complimenti per la pagina!!sempre molto interessante,scorrevole e ben fatta!!!

    • babacio

      Grazie Loredana…
      Per tutti questi complimenti le guance di Valdesina sono diventate ancora più rosse!
      Un saluto da Babacio

  • Bello conoscere le culture, tutte le culture. Giacinto Bruno.

    • babacio

      Ed è bello che qualcuno apprezzi tutte le culture!
      Il tuo è un commento molto significativo…
      Grazie Giacinto!

  • Bellissima idea quella di questa pagina.
    Buon lavoro valdesina 🙂

    • babacio

      Grazie Barbara!
      Valdesina si è già rimessa in viaggio per la prossima avventura! 😉

  • Pingback: Ciao! | Valdesina()

  • Anna

    Ciao Valdesina.
    Il costume valdese lo trovo molto bello. Mi piacerebbe acquistarne uno.
    Sai dirmi se in Val Pellice posso trovarlo già confezionato oppure se ci sono delle sarte che lo creano su ordinazione.
    Ti ringrazio.
    Anna

    • babacio

      Carissima Anna,
      Sono contenta che il mio abito ti piaccia così tanto! Devi sapere che, solitamente, si tratta di un capo che ci si tramanda in famiglia (e forse potresti trovarne uno di seconda mano), ma certamente esistono anche delle sarte che sono in grado di confezionarne uno apposta per te! Il mio, ad esempio, serviva di una taglia molto piccola..! 😉
      Scrivimi all’indirizzo info@babacio.it, ti manderò i recapiti che mi verranno in mente!
      Grazie a te, Valdesina.

  • Pingback: La croce ugonotta | Valdesina()