Roccha d’la Fantina – Angrogna

Ciao a tutti!
Oggi voglio narrarvi una storia davvero speciale, che le nonne raccontavano ai bambini tanti anni fa…

Ecco la Roccha d'la Fantina o Roccha Filera
Ecco la Roccha d’la Fantina o Roccha Filera

Quella che vedete alle mie spalle, si chiama Roccha d’la Fantina, che letteralmente significa “la roccia della fata” e si dice che in punta ad essa viva una creatura magica!

Qui sono sulla strada che porta da S. Lorenzo al Serre
Qui sono sulla strada che porta da S. Lorenzo al Serre

Ogni anno, la sera di Natale tra mezzanotte e l’una, compare una fata bianca che sta a filare la lana con un piede appoggiato ad un grande noce e l’altro alla roccia. Perché sta in questa posizione strana, vi starete chiedendo. Lo fa per fare scivolare il suo magico fuso giù, giù fino alla strada che passa sotto alla roccia e che porta al paese. Per questo la roccia è chiamata anche Roccia Filera.

Panoramica della Roccha
Panoramica della Roccha

Se la notte sarà chiara, la luna illuminerà sia la fata che il suo fuso e chiunque riesca a sfiorare con la mano quello strumento avrà per sempre una grande fortuna!

La Roccha vista dalla strada
La Roccha vista dalla strada

Vi dirò che secondo alcuni questo straordinario fatto accade il 24 giugno, la notte di S. Giovanni, quindi non in inverno… Quello che è certo, è che all’una di notte in punto la fata si ritira e nessuno la vedrà più fino all’anno successivo.

La Roccha come appare arrivando da S. Lorenzo
La Roccha come appare arrivando da S. Lorenzo

Perciò chiedete a mamma e papà di accompagnarvi in una calda sera d’estate il 24 giugno, la strada è quella che porta da San Lorenzo al Serre di Angrogna, non si può sbagliare!

Come arrivare qui:
dalla strada provinciale 161, tra i comuni di Torre Pellice e Luserna San Giovanni, imboccare alla rotonda la strada in direzione di Angrogna (in questo punto potete trovare anche le indicazioni per la Guieiza d’la Tana, il Chabas e la Vaccera). Seguite la strada principale sino alla piazza del capoluogo, poi proseguite per circa 800 m e troverete a destra il cartello “Torrente Vengie e Roccha Filera”.

Forse vorresti leggere questa storia in: Inglese